Informative

Decreto “sostegni”, ammortizzatori sociali | info n. 28/2021

Download

Il Decreto Sostegni, entrato in vigore il 23 marzo scorso, prevede anche una serie di misure di interesse dei datori di lavoro. Qui di seguito una breve sintesi.

Ammortizzatori sociali

  • CIGO

Dopo le 12 settimane di CIGO previste dalla Legge di Bilancio 178/2020 attuabili nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 marzo 2021, il Decreto 41/2021 prevede ulteriori 13 settimane godibili nel periodo compreso tra il 1° aprile 2021 e il 30 giugno 2021.

La causale da utilizzare è: <<emergenza COVID-19 – DL 41/221>>. Rientrano tutti i dipendenti in forza alla data del 23 marzo 2021.

Anche queste ulteriori 13 settimane non sono gravate dal contributo aggiuntivo.

Restano immutati i termini di presentazione delle domande così come la facoltà di anticipazione con successivo conguaglio da parte del datore di lavoro dell’indennità di cassa integrazione ovvero pagamento diretto da parte dell’INPS.

Dal 1° luglio 2021 ripartirà il nuovo conteggio del contatore di utilizzo massimo della cigo azzerando quanto goduto fino al 30 giugno.

  • CASSA IN DEROGA e FIS

In aggiunta alle 12 settimane previste dalla Legge di Bilancio 178/2020 attuabili nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2021, il Decreto 41/2021 prevede ulteriori 28 settimane godibili nel periodo compreso tra il 1° aprile 2021 e il 31 dicembre 2021.

La causale da utilizzare è: <<emergenza COVID-19 – DL 41/221>>. “emergenza COVID-19”. Rientrano tutti i dipendenti in forza alla data del 23 marzo 2021.

Anche queste ulteriori 13 settimane non sono gravate dal contributo aggiuntivo.

Il Messaggio INPS 1297/2021 ha chiarito che, contrariamente alle precedenti norme gestionali dell’assegno ordinario a carico del Fondo di Integrazione Salariale e della cassa in deroga, il datore di lavoro questa volta ha la facoltà di anticipare l’indennità di cassa con successivo conguaglio di quanto anticipato in favore dei lavoratori sospesi.

 

  • SETTIMANA 29 MARZO – 3 APRILE

Al momento la settimana tra il 29 marzo e il 3 aprile, essendo divisa a metà tra i periodi compresi nei due diversi provvedimenti di legge (Legge 178/2020 e DL 41/2021), sembra non sia coperta da alcun ammortizzatore sociale.

Di fatto siamo in presenza di un vuoto normativo che confidiamo sia colmato in sede di conversione del DL 41/2021 (termine utile per la conversione 60 giorni; quindi entro il 21 maggio).

Ciò significa che per i datori di lavoro che hanno utilizzato gli ammortizzatori sociali in continuità dall’inizio di gennaio, concluderanno le 12 settimane al 27 marzo.

MONITORAGGIO DOMANDE

Per consentire ai lavoratori dipendenti di verificare quando l’azienda ha effettivamente inviato la domanda all’Istituto e di seguire l’iter fino al pagamento, è disponibile la nuova sezione “Integrazioni salariali” del servizio online CIP – Consultazione info previdenziali.

Accedendo al servizio con le proprie credenziali, tramite portale o app INPS Mobile, i lavoratori possono monitorare le domande inviate dal datore di lavoro con richiesta di pagamento diretto dei trattamenti di:

  • Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO)
  • Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD)
  • assegno ordinario (Fondi di Solidarietà e FIS)

Seguendo le istruzioni del tutorial, i lavoratori possono verificare lo stato di ogni domanda e, nel caso in cui questa sia stata accolta, i dettagli sul pagamento, salvando le informazioni di proprio interesse.

Ultime news

Informative

Licenziamenti, le novità del decreto “sostegni” | info n. 29/2021

Prorogato il divieto di licenziamento fino al 30 giugno per tutti i datori di lavoro a prescindere dalla forza occupazionale

Vai alla news
Informative

Regimi fiscali agevolati, operazioni con l’estero | info n. 25/2021

Chi applica il regime forfetario ha degli obblighi da rispettare quando si tratta di scambi con soggetti esteri. Vediamo quali

Vai alla news
Informative

Contributo a fondo perduto Aprile 2021 | info n. 24/2021

Ne hanno diritto imprese e professionisti con partita IVA attiva, che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del fatturato, indipendentemente dal codice Ateco,

Vai alla news