Informative

Rapporti a tempo determinato, rinnovi e contribuzione aggiuntiva | info n. 41/2019

Download

A più di un anno dall’entrata in vigore del Decreto Legge n. 87 del 12 luglio 2018 (c.d. Decreto Dignità) convertito dalla Legge n. 96 del 9 agosto 2018, l’Inps ha fornito le istruzioni operative per l’applicazione della contribuzione aggiuntiva dovuta in caso di rinnovo dei contratti a tempo determinato.

AMBITO DI APPLICAZIONE

Per ogni rinnovo del contratto a termine  – cioè di riassunzione a termine di un lavoratore già occupato in precedenza con contratto a tempo determinato – il datore di lavoro è tenuto a versare all’INPS un contributo aggiuntivo pari allo 0,50% (contributo addizionale Naspi che si aggiunge alla contribuzione ordinaria pari al 1,4%).

Il contributo aggiuntivo è dovuto anche in caso di rapporti in somministrazione.

Il contributo aggiuntivo è dovuto anche nel caso in cui il rapporto a termine sia intervenuto, prima o dopo, con la società di somministrazione.

La maggiorazione contributiva non si applica invece in caso di proroga del termine del contratto a tempo determinato.

CASI DI ESCLUSIONE

La maggiorazione contributiva non si applica a:

  • lavoratori assunti con contratto a termine in sostituzione di lavoratori assenti,
  • apprendisti,
  • lavoratori assunti a termine per lo svolgimento di attività stagionale di cui al D.P.R. n. 1525/1963,
  • rapporti di lavoro a termine stipulati dalle pubbliche amministrazioni,
  • contratti di lavoro domestico,
  • rapporti a tempo determinato degli operai agricoli,
  • rapporti di lavoro di lavoratori che svolgono attività di insegnamento, ricerca scientifica o tecnologica, di trasferimento di know-how e di supporto, di assistenza tecnica o coordinamento all’innovazione , stipulati da: università private, istituti pubblici di ricerca, enti privati di ricerca, società pubbliche che promuovono la ricerca e l’innovazione.

DECORRENZA

La maggiorazione del contributo addizionale Naspi decorre dal 14 luglio 2018; pertanto sono interessati tutti i rinnovi dei contratti a tempo determinato, anche in somministrazione, intervenuti dal 14 luglio dell’anno scorso.

Come sancito dall’INPS, la regolarizzazione contributiva deve avvenire nel mese di settembre 2019.

CONTRATTI  A TERMINE TRASFORMATI A TEMPO INDETERMINATO – RESTITUZIONE CONTRIBUTO ADDIZIONALE

Il datore di lavoro ha diritto al rimborso del contributo addizionale pagato nei seguenti casi:

  • trasformazione del contratto a termine rinnovato in contratto a tempo indeterminato,
  • assunzione del lavoratore con contratto a tempo indeterminato entro 6 mesi dalla cessazione del precedente contratto a termine.

Lo Studio provvederà ad effettuare la regolarizzazione del periodo pregresso attuando tutte le operazioni necessarie.

Ultime news

Eventi

PROTEZIONE D’IMPRESA BUSINESS FORUM

Le azioni pratiche da mettere in campo oggi da un punto di vista fiscale e legale per garantire il futuro e lo sviluppo della tua impresa!

Vai alla news
Informative

Retribuzioni e compensi di dicembre, criterio di cassa allargato | info n. 1/2021

Le retribuzioni e i compensi pagati entro il 12 gennaio si considerano percepiti nell’anno precedente

Vai alla news